News

Onorificenza meritata per Alexandra Latschrauner

La responsabile tecnico assistenziale di Jesuheim nominata “Cavaliere”

Alexandra

Alexandra Latschrauner (53) è tecnica assistenziale da 6 anni al Jesuheim. Il suo impegno e la sua generosità durante la lotta della pandemia è stato premiato con un merito d´onore ai Servizi della Repubblica Italiana, il cosiddetto “Cavaliere” per prestazioni eccezionali. „Questa onorificenza l´accetto in nome di tutto il personale della Fondazione S. Elisabetta“, disse Alexandra Latschrauner commossa. Ringrazia a tutta la squadra del Jesuheim. Fu un periodo di stanchezza fisica e mentale. Ma è stato anche un momento di solidarietà, di umanità e speranza, che ha rafforzato lo spirito di quadra e la comunanza, risalta Latschrauner. „Alexandra si è più che guadagnato questo onore. La sua passione e amore per il lavoro quotidiano, il suo instancabile impegno ha dato ai dipendenti e residenti molta forza e consolazione in questo momento straordinariamente difficile della pandemia“, ha affermato Christian Klotzner, presidente della Fondazione S. Elisabetta. Alexandra ha sempre avuto il desiderio di lavorare con persone anziane. Quindi non sorprende che abbia acquisito la sua prima esperienza in geriatria dopo aver completato la sua formazione come infermiera. Per molto tempo ha lavorato in una casa di riposo per anziani a Genova centrato alle persone non vedenti e ipovedenti prima di assumere una posizione responsabile nel Jesuheim nel 2015.

Elevata adesione alla campagna vaccinale

I residenti e i dipendenti delle Strutture della Fondazione St. Elisabeth hanno mostrato grande interesse per la vaccinazione Covid

Bild
Bild

La consegna del vaccino da parte della Biontech/Pfizer alle strutture della Fondazione St. Elisabeth era attesa con grande impazienza. L’adesione alla vaccinazione in tutte e tre le strutture della fondazione è stata molto alta.

“Siamo felici dell'alto livello di partecipazione alle vaccinazioni, sia tra i residenti che tra i nostri dipendenti”, spiega Christian Klotzner, presidente della fondazione St. Elisabeth. Effettuare le vaccinazioni è stata una grande sfida organizzativa. Gli infermieri del Jesuheim, del Martinsbrunn e del Grieserhof hanno ricevuto apposita formazione a questo scopo. Le vaccinazioni sono state effettuate in tutte e tre le strutture da parte dei rispettivi medici interni.

“E` uno strumento in più, che ci permette di mettere sotto osservazione i vaccinati al fine di garantire ulteriormente il loro benessere”, afferma la direttrice infermieristica Maria Oberprantacher.

Le vaccinazioni sono iniziate lunedì allo Jesuheim e sono durate diversi giorni. In Martinsbrunn a Merano la vaccinazione è avvenuta martedì, e mercoledì è stato il turno del Grieserhof di Bolzano.